Carbon Fiber Design Contest 2016/2017

Si è concluso il Carbon Fiber Design Contest 2016/2017, il progetto vincitore è la lampada Spin di Laura de Rosa e Antonella Strappa.
Potrete vederlo al Technology Hub a Milano, dal 20 al 22 aprile 2017.
Di seguito la presentazione dettagliata del progetto e le diverse utilizzazioni pensate dagli Architetti per la lampada:
Banner Vincitori
Pagina 1
Spin_presentazione Spin_presentazione
Condividi questo articolo
Share

McLaren Formula 1 Racing implementa la fabbricazione additiva di Stratasys al fine di migliorare le prestazioni della vettura del 2017

La stampa 3D per velocizzare i nuovi sviluppi della vettura, passando dall’idea al componente in tempi più rapidi.

McLaren Racing estende l’uso della stampa 3D Stratasys alla produzione dei componenti per la sua auto da corsa per la Formula 1 per il 2017 MCL32, con l’obiettivo di accelerare le modifiche al design e di ridurre il peso per aumentare le prestazioni.

Di seguito alcune delle parti stampate in 3D progettate per migliorare le prestazioni, che sono state utilizzate sul modello 2017:

Connettore dell’impianto idraulico
McLaren Honda ha stampato in 3D un connettore strutturale per collegare l’impianto idraulico sull’auto da corsa MCL32, utilizzando la tecnologia FDM Stratasys, avvalendosi di una stampante 3D Fortus 450mc Production e del materiale in nylon rinforzato in fibra di carbonio (Nylon 12CF FDM®). Il connettore è stato prodotto in sole quattro ore, rispetto alle due settimane stimate per la creazione con i processi di produzione tradizionali.

Manicotto flessibile per l’installazione del cablaggio radio
Di recente, all’auto da corsa MCL32 è stato aggiunto un nuovo sistema di comunicazione e dati a due vie. Tuttavia, il cavo si è rivelato una fonte di distrazione per il conducente. Sfruttando la capacità della stampante 3D Stratasys J750 di utilizzare materiali flessibili, McLaren ha progettato e stampato in 3D un manicotto in simil-gomma in grado di accogliere i cavi del sistema di comunicazione. Tre diversi progetti sono stati iterati e stampati in 3D in una sola giornata e il componente finale è stato stampato in 3D in sole due ore, consentendo di utilizzare questo comodo assemblaggio radio nel primo Gran Premio della stagione 2017.

Condotti di raffreddamento dei freni in fibra di carbonio
Per controllare in maniera efficiente le temperature dei componenti dei freni, McLaren Honda ha stampato in 3D degli attrezzi a perdere per creare tubi di raffreddamento dei freni cavi in materiale composito. Queste anime solubili sono state stampate in 3D utilizzando il materiale solubile ST-130, sviluppato specificamente per l’applicazione, e quindi avvolte in materiale composito rinforzato in fibra di carbonio e trattate in autoclave a temperature elevate. Il risultato finale è una struttura tubolare con una finitura delle superfici interne molto uniforme, per garantire ai freni il flusso d’aria richiesto, mantenendo, al contempo, la massima aerodinamicità e le prestazioni della vettura.

Hydraulic-Line-Bracket_COVER-760x507

Alettone posteriore
Un prolungamento significativo dell’alettone posteriore progettato per aumentare la deportanza posteriore è stato realizzato in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, utilizzando uno strumento a più strati stampato in 3D e prodotto sulla stampante 3D Fortus 900mc Production, basata sulla tecnologia FDM. La struttura in composito larga 900 mm è stata stampata in 3D, ad alta temperatura (>350°F/177°C), con trattamento in autoclave, con il materiale ULTEM 1010, consentendo di risparmiare tempo in un periodo di test limitato davvero critico.

ULTEM-IMAGE_MAIN-760x507

Neil Oatley, direttore del settore progettazione e sviluppo di McLaren Racing Limited, dichiara: “Stiamo modificando e migliorando continuamente i progetti della nostra vettura di Formula 1, pertanto la capacità di testare i nuovi progetti rapidamente è fondamentale per rendere l’auto più leggera e, cosa più importante, per aumentare il numero di iterazioni tangibili nelle prestazioni migliorate dell’auto. Riuscire ad apportare i nuovi sviluppi alla vettura con una gara di anticipo, passando dalla nuova idea al nuovo componente solo in pochi giorni, sarà un fattore chiave nel rendere la McLaren MCL32 più competitiva. Estendendo l’uso della stampa 3D di Stratasys ai nostri processi di produzione, tra cui la produzione dei componenti finali per l’auto, di strumenti a strati e a perdere in materiale composito, di maschere di taglio e altro, stiamo riducendo i tempi di lavorazione e aumentando la complessità delle parti” ha affermato Neil Oatley, direttore del settore progettazione e sviluppo di McLaren Racing Limited.

Per accelerare ulteriormente i cicli di progettazione e produzione, McLaren Honda porterà una stampante Stratasys uPrint SE Plus a bordo pista, consentendo così al team di produrre parti e attrezzi su richiesta in fase di test e di gara.

“La Formula 1 è uno dei terreni di prova migliori al mondo per le nostre soluzioni di fabbricazione additiva. Come fornitore ufficiale di soluzioni di stampa 3D al team di Formula 1 McLaren-Honda lavoriamo a stretto contatto per risolvere le loro sfide di progettazione in officina, nella galleria del vento e sulla pista. Riteniamo che questo, a sua volta, ci consentirà di sviluppare nuovi materiali e applicazioni che garantiranno a McLaren Racing e ad altri designer e produttori automobilistici nuove efficienze e funzionalità”, afferma Andy Middleton, presidente di Stratasys EME.

Condividi questo articolo
Share

UK to construct world’s first modular GFRP bridge

UK-based design consultancy Arup and bridge specialist Mabey announced they have delivered the world’s first modular, rapid-assembly glass fiber-reinforced polymer (GFRP) bridge.

“There is always room for innovation in bridging, and we pride ourselves on pushing boundaries with new materials so we can safely build longer-lasting structures even faster,” said Michael Treacy, CEO of Mabey. “What we have developed from Arup’s concept will change the game for our customers who tell us cost and ease-of-use come first. This is a significant step in our ongoing mission to lead the future of modular bridging and we look forward to seeing the [bridge] make its UK debut.”

The post-tensioned bridge is designed to be assembled in hard to reach sites where large cranes or heavy machinery cannot be used. Partially funded by the Rail Safety and Standards Board (RSSB), the modular bridge is expected to be of particular interest to the rail industry and will provide a safer alternative to level crossings where traditional pedestrian bridges cannot be installed.

Uk Bridge

The bridge has been installed at a Site of Special Scientific Interest (SSSI) for Network Rail in Oxford. The bridge modules were light enough to be transported by an articulated lorry and then assembled on site and lifted from a distance.

The bridge is pre-engineered, modular, fully customizable, and features include identical modules, one meter in length, which are fixed together with bolted shear connectors and then post-tensioned. The system allows spans of up to 30 meters, so it can adapt to suit any application. In addition, by being 70 percent lighter than steel, the modules only require a pallet truck or forklift to move, enabling faster, safer and more efficient project delivery. The material provides additional resistance to fire, graffiti, vandalism, and ultra-violet radiation.

“This modular bridge is quick and easy to install, minimizes disruption to the surrounding communities and significantly reduces ongoing maintenance costs,” said Rebecca Stewart, an associate at Arup. “We can see this bridge being useful for a whole host of global applications – from rail footbridges to road and river spans.”

As part of the collaboration, Mabey will become the first licensed distribution partner for the bridge. Based on Arup’s concept, Mabey is launching the bridge to its customers under the brand name Pedesta™ at Bridges 2017 – a notable bridge conference taking place at the University of Waterloo in Waterloo, Ontario, Canada from july, 27–31 2017.

Condividi questo articolo
Share

CARBON FIBER DESIGN CONTEST 2016/17

Titolo Contest

Nel 2013, un gruppo di professionisti del settore dei materiali compositi, ha deciso di organizzare un concorso internazionale dedicato a giovani creativi per la progettazione di nuovi oggetti di interior design in fibra di carbonio.
Così è nato il Carbon Fiber Design Contest, pensato per sensibilizzare architetti, designer e progettisti all’utilizzo della fibra di carbonio in settori nuovi rispetto a quelli tradizionali di applicazione, sfruttando e valorizzando le caratteristiche tecniche proprie del materiale: resistenza meccanica, leggerezza e modellabilità. La prima edizione del concorso ha avuto immediato successo internazionale con la partecipazione di circa 200 progetti provenienti da tutta Europa, 20.000 visitatori sul web, migliaia di contatti facebook e si è conclusa con la premiazione durante il Salone Internazionale del Mobile di Milano.

Fiber

Da allora il Carbon Fiber Design Contest ha continuato a evolversi, toccando temi diversi sempre nel settore delle nuove tecnologie al servizio della creatività. Così nel 2014, è stato focalizzato sull’utilizzo dei materiali compositi nel settore dello yacht design, nel 2015 il nome del nuovo concorso: Carbon Fiber Design Contest 3D chiarisce come sia stato scelto come tema una settore di grande interesse quale la stampa 3D. La premiazione ha avuto luogo presso la casa Museo Spazio Tadini, luogo d’arte ed eventi culturali che partecipava al Fuorisalone con un’esposizione esclusiva dedicata al design in fibra di carbonio.

L’edizione 2016/17 si propone di sensibilizzare creativi, progettisti e architetti all’utilizzo in modo innovativo delle moderne tecnologie dell’additive manufacturing con la partecipazione di Stratasys Gmbh quale Industrial Sponsor.
Tema di questa edizione: Progettare a colori con la più grande stampante 3D policromatica e multi-materiale. La creatività trova un riscontro immediato con colori realistici e materiali che rendono obsoleta l’incertezza.

Ai partecipanti viene chiesto di ideare e progettare un complemento di interior design o di office design, delle dimensioni massime di 490x390x200 mm realizzabile con la stampante 3D Stratasys J750.
L’oggetto proposto dovrà essere inedito e avere come unico vincolo la fattibilità e la riproducibilità industriale.
Saranno realizzati i prototipi dei tre progetti vincitori che verranno esposti in fiere ed eventi di settore.

L’iscrizione al CARBON FIBER DESIGN CONTEST 2016/17 è gratuita. Ogni progetto candidato verrà sottoposto al giudizio della giuria tecnica che selezionerà i tre progetti vincitori. La giuria sarà presieduta da uno dei maggiori esperti mondiali della stampa 3D, la Professoressa Marinella Levi del Politecnico di Milano.

La premiazione avverrà sabato 8 aprile a Milano in occasione del Salone Internazionale del Mobile 2017, presso lo Showroom REFIN – Brera District – Via Melone 2.
Invito scaricabile: SAVE THE DATE 8 aprile 2017

Questa edizione di CARBON FIBER DESIGN CONTEST ha ottenuto il patrocinio del Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale dell’Università Federico II di Napoli; di ADI, Associazione per il Disegno Industriale; del Comitato Giovani dell’UNESCO; di Pegaso, Università Telematica; dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli e di Confartigianato; di ASPRONADI, Associazione Progettisti Nautica da Diporto.

Media Partner: Composite Solutions, Platform e il blog Office Observer https://danilopremoli.wordpress.com/

Partner industriale:

Partner Industriale

Condividi questo articolo
Share

POSITIVA CHIUSURA PER LA 15° SEATEC E 9° COMPOTEC

3500 operatori di alto livello (+10% rispetto all’edizione 2016) hanno visitato Seatec e Compotec in cerca di alta tecnologia e innovazione. Incontri B2B, delegazioni, startup, nuovi premi e un fittissimo calendario di convegni ai due eventi di CarraraFiere.

Si è chiusa con grande soddisfazione da parte di espositori e visitatori, l’edizione 2017 di Seatec-Compotec: 3.600 prodotti esposti in fiera con ben 454 marchi presenti; di cui 276 italiani provenienti da 16 regioni e 178 stranieri provenienti da 28 paesi.

B2B STC-CMPT 2017

Inoltre, 171 espositori hanno aderito al programma B2B organizzato da CarraraFiere con il partner Uplink, nel corso dei tre giorni hanno incontrato anche 63 buyer stranieri provenienti da Croazia, Finlandia, Francia, Israele, Marocco, Olanda, Polonia, Russia, Svezia, Tunisia e Turchia invitati in collaborazione con ICE Agenzia Italia
Nell’aea Startup, le aziende più giovani e innovative hanno interagito con molto successo sia con il pubblico sia con i buyer, oltre a partecipare all’ “Elevator Pitch”
La PME Mare Srl, si è aggiudicata il prestigioso Qualitec Design Award, premio riservato agli espositori istituito da Seatec ormai alla 9° edizione, con il Click Gavitello Smart.

STC-CMP FIERA 2017

Numerosi i premi al design che Seatec dedica sia ai propri espositori sia ai progettisti esordienti e ai professionisti attivi nella nautica. In questo ambito, oltre ai tradizionali MYDA e QUALITEC, sono stati istituiti quest’anno l’Innovative Technology Design Awards di ADI riservato al miglior prodotto di design – vinto da Team Italia con l’avveniristica consolle iBRIDGE e all’interno del Myda, un riconoscimento extra, con l’assegnazione di una borsa di studio da parte della Quasar Design University.

Tra i temi più interessanti, ricordiamo l’approfondimento tecnico nel settore biomedicale con soluzioni per protesi in composito, la stampa in 3D, le Nuove frontiere del processo produttivo nel mondo dei materiali compositi, la Realtà Virtuale per Yacht Design, le Nuove frontiere del Magnesio al servizio della nautica da diporto e i Metodi di controllo non distruttivi (CND) per l’applicazione sui compositi.

Condividi questo articolo
Share

GALM Europe Launches With Daimler

GALM – The largest automotive lightweighting conference series in the world is returning to Europe – bringing brand new insights into the latest breakthroughs in lightweight materials for conventional and electric vehicle ranges.

The 6th Global Automotive Lightweight Materials Europe Summit (April 25th-27th, 2017, UK) will focus specifically on the latest advancements in materials, including metals, composites and thermoplastics, reliable joining methods & new solutions for lightweighting of structural parts and components, as well as lightweighting that is specific to conventional and electric vehicle ranges. Leggi tutto “GALM Europe Launches With Daimler”

Condividi questo articolo
Share

Stampa 3D dei compositi: una soluzione ad alta resistenza per ogni componente, dai prototipi ai fissaggi

Arow Global è una piccola azienda americana innovativa che produce finestrini per l’industria dei trasporti e che sta facendo il suo primo ingresso nel mercato dei materiali compositi in fibra continua, utilizzando la stampa 3D: “Quel che abbiamo utilizzato finora è la vetroresina e la fibra di carbonio, fondamentalmente, per provare a rendere le nostre parti un po’ più rigide in particolare i sistemi di foratura”, ha commentato orgogliosamente Joseph Walters, New Product Design Engineer di Arow Global. Leggi tutto “Stampa 3D dei compositi: una soluzione ad alta resistenza per ogni componente, dai prototipi ai fissaggi”

Condividi questo articolo
Share

Un aereo in composito per volare su Marte

I ricercatori della NASA hanno annunciato che l’agenzia ha iniziato la prototipazione di un aereo a forma di boomerang che farà il primo volo su Marte tra il 2022 e il 2024.

“Stiamo costruendo alcuni prototipi che vogliamo porre in ambienti molto particolari e vedere come si comporteranno”, ha detto Al Bowers, ricercatore capo presso NASA Armstrong e Program manager del Preliminary Research Aerodynamic Design to Land on Mars (Prandtl-m).

Leggi tutto “Un aereo in composito per volare su Marte”

Condividi questo articolo
Share